La manipolazione del bambino emiplegico: clinica e rieducazione

Inizio: 15-02-2022 - Fine: 31-12-2022

Chiusura iscrizioni: 24-12-2022


Formazione a distanza - Crediti ECM: 50.0


Ore previste: 50.00 – Posti disponibili: 205 – Stato corso:


Discipline e professioni:

Medico chirurgo:
Medicina fisica e riabilitazione
Medicina interna
Neonatologia
Neurologia
Neuropsichiatria infantile
Pediatria
Chirurgia generale
Chirurgia pediatrica
Ortopedia e traumatologia
Anestesia e rianimazione
Neurofisiopatologia
Medicina generale (medici di famiglia)
Pediatria (pediatri di libera scelta)
Psicoterapia

Psicologo:
Psicoterapia
Psicologia

Assistente sanitario:
Assistente sanitario

Educatore professionale:
Educatore professionale

Fisioterapista:
Fisioterapista

Infermiere:
Infermiere

Infermiere pediatrico:
Infermiere pediatrico

Logopedista:
Logopedista

Tecnico di neurofisiopatologia:
Tecnico di neurofisiopatologia

Tecnico ortopedico:
Tecnico ortopedico

Terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva:
Terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva

Terapista occupazionale:
Terapista occupazionale

~ Altro:
Altre professioni non sanitarie

Leggi tutto
Leggi meno
L'accesso al corso è consentito anche alle professioni non medico-sanitarie

Descrizione

La paralisi cerebrale infantile (PCI), con circa due nuovi casi ogni mille nati vivi, rimane la principale causa di disabilità neuromotoria dell’infanzia.  Per confutare l’idea che si tratti di una patologia rara basta pensare che nel nostro paese ne diviene affetto un altro bambino ogni cinque ore.  Fra le espressioni cliniche della PCI, le forme spastiche prevalgono di gran lunga sulle discinetiche e sulle atassiche. Fra le forme spastiche le emiplegie (0,5 – 0,7 % su 1000 nati) hanno da poco superato per frequenza le diplegie, arrivando a costituire circa il 40% di tutte le forme di PCI. La PCI compromette lo sviluppo delle funzioni adattive. Fra quelle più squisitamente motorie il controllo posturale, la locomozione orizzontale nelle sue varie forme, il cammino e la manipolazione.  Tutti i bambini emiplegici conquistano un sufficiente controllo posturale e tutti arrivano al cammino, seppure in tempi e modalità non fisiologiche. Pochi bambini emiplegici impiegano invece la mano paretica nei compiti manipolativi e prassici. Nel bambino emiplegico occuparsi della manipolazione è quindi l’obiettivo principale della rieducazione neuromotoria. Per capire come poter intervenire terapeuticamente occorre analizzare in primo luogo le strategie utilizzate dal suo sistema nervoso, fare cioè un’analisi del segno, e prevederne la storia naturale. Le componenti “centrali” (progettazione e pianificazione esecutiva dell’azione) si intrecciano con quelle periferiche (spasticità e debolezza che influenzano la sua realizzazione) e cause e conseguenze spesso si invertono. Gli aspetti motori influenzano e sono influenzati da quelli percettivi, anche questi compromessi a livello periferico (ipoestesia) o centrale (negligenza). Se il movimento è necessario per raccogliere informazioni, le informazioni sono necessarie per guidare il movimento. La rieducazione deve tener conto di entrambe queste componenti perché le azioni del bambino possano raggiungere lo scopo cercato. Dopo la scoperta del sistema dei neuroni mirror, le neuroscienze stanno offrendo importanti strumenti di crescita alla riabilitazione. L’apprendimento per imitazione (action observation treatment), i suggerimenti provenienti dall’ambiente (affordance), gli indizi contenuti nell’oggetto (neuroni canonici) e la stessa interazione terapista-bambino governata dall’empatia fondano oggi il loro razionale su una robusta evidenza scientifica. Confrontarsi sul recupero della manipolazione nel bambino emiplegico permette dunque di implementare le conoscenze e gli strumenti operativi nell’ambito dell’intera riabilitazione della paralisi cerebrale infantile.

 

Scheda del corso

Eventi di formazione a distanza: n. 5279 – 344192

Crediti ECM: n. 50

Durata dell’attività formativa stimata: n. 50

 

OBIETTIVO FORMATIVO

Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

 

MODULI DIDATTICI

Modulo 1 | LA NATURA DELLA PARALISI CEREBRALE INFANTILE

Lezione A | Il modello ideomotorio | A. Ferrari

Lezione B | Forme cliniche di emiplegia infantile | A. Ferrari

Lezione C | Presentazione di forme cliniche | E. Beani

Modulo 2 | ANALISI DELLA MANIPOLAZIONE NEL BAMBINO EMIPLEGICO

Lezione A | Architettura della funzione manipolativa | A. Ferrari

Lezione B | Classi di mano nella emiplegia infantile | A. Ferrari

Lezione C | Scale di valutazione della manipolazione in età evolutiva | E. Beani

Lezione D | Esercitazione sul riconoscimento della classe di mano | A. Ferrari

Lezione E | Esercitazione sulla applicazione delle scale di valutazione | E. Beani

Lezione F | La manipolazione nelle diplegie e nelle tetraplegie | A. Ferrari

Modulo 3 | IL RAZIONALE TERAPEUTICO

Lezione A | Strumenti rieducativi in relazione alle diverse forme cliniche | A. Ferrari

Lezione B | Proposte di trattamento rieducativo | E. Beani

Lezione C | L’impiego della tossina botulinica | A. Ferrari

Lezione D | Il trattamento post-iniettivo | E. Beani

Lezione E | La chirurgia funzionale nell’arto superiore | M. Mori

Lezione F | Il trattamento postchirurgico | E. Beani

Modulo 4 | ORTESI ED AUSILI

Lezione A | Le ortesi nell’arto superiorei | A. Ferrari

Lezione B | CIMT: a chi e come | E. Beani

Modulo 5 | TERAPIE E TERAPISTI

Lezione A | Il setting terapeutico | A. Ferrari

Lezione B | Gioco e giocattolo | E. Beani

Modulo 6 | L’APPRENDIMENTO IN RIABILITAZIONE

Lezione A | Meccanismi di apprendimento | A. Ferrari

Lezione B | Action observation treatment | A. Ferrari

Lezione C | Esercizi di action observation | E. Beani

Lezione D | Formazione a distanza| | E. Beani

Scheda Faculty

Adriano Ferrari | Medico fisiatra e neurologo | Professore di Medicina Fisica e Riabilitativa presso Università di Modena e Reggio Emilia (RE)

Elena Beani | Tnpee | IRCCS Fondazione Stella Maris, UO1A, “Centro Terapie Innovative per la Paralisi Cerebrale” - Calambrone, Pisa

Maurizio Mori | Chirurgo pediatrico | UDGEE (RE)

Programma scientifico